-5% SCONTO DI BENVENUTO | Codice "gmwelcome"
WHATSAPP 3317728206
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
Microplastiche e pannolini lavabili

Pannolini lavabili e microplastiche

microplastiche oceano
© “Primary Microplastics in the Oceans”

La presenza di tonnellate di plastica nei nostri oceani non è più un mistero! Quello che meno spesso è noto è che il 35% delle microplastiche primarie rilasciate nei nostri mari, deriva direttamente dallo scarico delle nostre lavatrici domestiche e dal lavaggio di indumenti in fibre sintetiche (acrilico, econyl, elastan, neoprene, newlife, nylon, poliesteri…) da soli costituiscono ormai oltre il 60% dei nostri guardaroba.

I danni a livello ambientale sono inenarrabili e gli effetti che l’accumulo di queste sostanze potrebbero avere sulla nostra salute sono ancora ignoti. Basti pensare che queste particelle sono in grado di entrare nella nostra catena alimentare,  nel nostro organismo e oltrepassare persino la barriera placentare, accumulandosi nei nostri organi e in quelli dei nostri bambini, ancora in grembo.

Studi recenti, hanno dimostrato che non tutte le fibre sintetiche rilasciano lo stesso quantitativo di microplastiche in fase di lavaggio: alcune fibre, come l’acrilico dei nostri maglioni, possono rilasciare fino a tre volte più residui, rispetto alle fibre del classico pile.
Sulla base di questi dati, abbiamo scelto i migliori tessuti sintetici certificati in commercio, per i nostri pannolini lavabili Green Mama, in modo da ottenere un buon effetto stay sulla pelle, con il minor impatto ambientale possibile. Il nostro impegno nella riduzione del tessuto sintetico dalla nostra produzione è costante ed in continua evoluzione.

Esistono delle piccole accortezze che possiamo introdurre nella nostra routine di gestione e lavaggio dei capi sintetici, che possono contribuire enormemente a ridurre il numero di microplastiche rilasciate nelle acque di scarico:

  1. Lavare i capi sintetici (e quindi anche i gusci dei pannolini lavabili) a basse temperature contribuisce a prolungare la vita dei tessuti e degli elastici: è dimostrato che temperature maggiori ai 30°C sono in grado di rompere maggiormente le fibre sintetiche e rilasciare più particelle plastiche;
  2. Prediligere un detersivo liquido per lavare i capi sintetici può essere molto utile: il detersivo in polvere, infatti, pur essendo più efficace nella rimozione delle macchie, hMicroplastiche e pannolini lavabilia un maggior grado di abrasività e contribuisce al rilascio di particelle plastiche;
  3. Utilizzare una centrifuga a bassi giri: i tessuti sintetici, generalmente non hanno necessità di giri molto alti di centrifuga e per il lavaggio dei gusci dei pannolini lavabili è sempre consigliabile una centrifuga a bassi giri, per evitare il danneggiamento di velcri ed elastici;
  4. Fare sempre lavaggi a pieno carico, per contribuire anche al risparmio di acqua ed energia elettrica;
  5. Adottare sistemi alternativi che trattengano il rilascio di microplastiche nello scarico: una valida possibilità è la sacca GUPPYBAG, nella quale è possibile introdurre i capi sintetici in lavatrice (efficacia testata di oltre l’80%) oppure la CORA BALL (efficacia del 20/30%). Esiste anche la possibilità di far installare sullo scarico della nostra lavatrice, da un tecnico specializzato, uno speciale filtro, in grado di trattenere le particelle plastiche in seguito al lavaggio dei nostri capi.

Se pensi che questo articolo sia interessante o che ti sia stato utile a scoprire qualcosa di nuovo, condividilo con chi ritieni potrebbe trovarlo altrettanto interessante!!

 

 

—————————————————————————————————-
Articoli di approfondimento:

Come ridurre la quantità di microplastiche inquinanti scaricate dalla lavatrice


https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/11/05/microplastiche-non-tutti-sanno-che-molte-provengono-dalle-nostre-lavatrici/5547408/
https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2020/12/09/trovate-per-la-prima-volta-microplastiche-nella-placenta-umana_745c993d-d6d8-4454-a315-52252c7ebdf9.html

2 thoughts on “Pannolini lavabili e microplastiche

  1. Articolo davvero interessante e di attualità.
    Il problema delle microplastiche è ormai globale e chi continua a far finta di nulla, girarsi dall’altra parte o minimizzare il problema (magari anche prendendo in giro) è da condannare.
    Di recente, sul nostro blog abbiamo affrontato il problema delle microplastiche sul monte Everest (https://www.peoplegreen.it/microplastiche-sul-monte-everest/), un fatto che testimonia una volta di più come l’impatto delle attività dell’uomo sia dannoso per l’ambiente e per tutti gli esseri viventi.

    1. Grazie Alessio per il tuo commento e per l’articolo molto interessante che mi hai segnalato! E’ davvero inquietante vedere come si trovino tracce di microplastiche in ogni angolo di pianeta, oramai. Fuori e dentro al nostro corpo. Il cambiamento è cosa necessaria, è assurdo pretendere di non vedere ciò che stiamo facendo al mondo in cui viviamo e ciò che stiamo lasciando ai nostri figli.

Leave your thought